Il duca violato. Carlo III di Borbone Parma (1823-1854)

BIANCA MARIA CECCHINI
Il duca violato. Carlo III di Borbone Parma (1823-1854)

Carlo III di Borbone, duca di Parma, fu pugnalato a morte il 26 marzo del 1854. Il presunto assassino era stato arrestato e rilasciato pochi giorni dopo per insufficienza di prove; dopodiché il processo si era trascinato a lungo, tra esasperanti lentezze e contraddittorie ipotesi che conducevano tutte su piste diverse e poco verosimili, come quella che voleva il duca vittima di una vendetta privata. L’austriaco barone Lederer, che era stato ministro plenipotenziario a Parma al tempo del regicidio, fermamente convinto del movente politico, fin dal principio aveva svolto indagini proprie: ripercorrendo attentamente la vita pubblica e privata del sovrano ucciso e mettendo in relazione le sue scelte e i suoi atteggiamenti verso il panorama politico internazionale, riuscirà a scoprire motivi e mandanti dell’unico regicidio mandato a segno nell’Italia del Risorgimento.

BIANCA MARIA CECCHINI si è laureata in Storia del Risorgimento presso l’Università degli Studi di Firenze. È dottore di ricerca in Storia della Società Europea. I suoi studi vertono sulla Storia della diplomazia internazionale e sulla Storia delle dinastie europee tra il XVIII e il XIX secolo, in particolare Asburgo-Lorena e Borbone. Tra le sue pubblicazioni più importanti si ricordano Per il Re, per l’Imperatore. Gli Stati italiani nei rapporti della diplomazia segreta francese e asburgica (Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano); Tra Vienna e Parigi. La Toscana della Restaurazione nei rapporti della diplomazia franco-asburgica (Olschki); La danza delle ombre. Carlo III di Borbone-Parma. Un regicidio nell’Italia del Risorgimento (Istituto Storico Lucchese, Archivio di Stato di Parma).

218 pagine, tav. in b/n; brossura con bandelle; ISBN 978-8831-971-07-2
22,00 €

Recensioni

Lorenzo Benedetti, Archivio Storico per le Province Parmensi, s. IV, LXX, 2018

Condividi